Il mio lavoro

stella-rampollo-cari-moda-fashion-boutique-consulente-immagine-mede-pavia-milano-1

Un abito deve essere un po’ una seconda pelle, non qualcosa dentro cui nascondersi, ma qualcosa che ci rappresenti e ci valorizzi.

Se dovessi mandarvi un invito vi direi: se verrete potrete prendervi il vostro tempo, sarete consigliate e coccolate, potrete esprimere i vostri dubbi, raccontarmi le vostre esigenze, descrivermi il vostro guardaroba in modo tale che ogni acquisto rispecchi al meglio il vostro stile e si integri con quanto già avete.

Oscar Wilde diceva: “Solo le persone superficiali non giudicano dalle apparenze”. Noi tutti viviamo di relazioni per questo l’ “apparire” è una manifestazione imprescindibile e, soprattutto, è la prima cosa che si “spende” nel contattare l’altro. L’immagine non è appannaggio delle modaiole sfegatate, l’immagine non è qualcosa di superficiale, qualcosa a cui adeguarsi oppure no. Vi faccio un esempio: quando incontrate qualcuno e gli stringete la mano, a seconda della stretta che ricevete in risposta vi fate un’idea di chi avete davanti.

La vostra immagine parla di voi sempre, anche quando preferireste se ne stesse zitta e, siccome di lei proprio non possiamo fare a meno, dobbiamo imparare ad addomesticarla: dobbiamo  imparare a cucircela addosso e a farcela alleata. Il mio lavoro consiste proprio in questo: aiutarvi a fare in modo che la vostra immagine parli di voi al meglio. Le consulenze, pur partendo da concetti consolidati, sono sempre tagliate su misura perché ognuna di voi è unica ed è proprio quell’unicità che va portata alla luce.

stella-rampollo-cari-moda-fashion-boutique-consulente-immagine-mede-pavia-milano-2

Vi insegnerò le basi del body shape esortandovi a guardarvi in modo obiettivo, aiutandovi a cogliere i vostri pregi perché questi saranno il vostro punto di forza, ciò che andrà sottolineato e messo in evidenza. Insieme valuteremo le vostre proporzioni, bilanciando, evidenziando e alleggerendo in modo da armonizzare le varie parti del corpo. Non dobbiamo avere paura dei nostri difetti: solo prendendone coscienza potremo imparare a camuffarli e, a volte, anche a trasformarli in autentici punti di forza. Non solo la forma del nostro corpo ma anche quella del nostro viso ci fornisce informazioni, ce ne serviremo per scegliere il taglio giusto, il trucco e persino la montatura degli occhiali.

Vorrei che una cosa sia chiara, lo scopo della consulenza di immagine non è mai quello di stravolgere ma semmai valorizzare rispettando la personalità e le inclinazioni di ciascuno. La nostra immagine dovrà essere la nostra seconda pelle, intimamente connessa a noi, qualcosa in cui sentirci completamente a nostro agio perché ci rispecchia.

stella-rampollo-cari-moda-fashion-boutique-consulente-immagine-mede-pavia-milano-3

Per raggiungere il nostro obiettivo un altro aiuto ci viene dall’analisi del colore. I colori trasmettono emozioni e ci fanno “vibrare”. Quando i colori vengono scelti in modo accurato e mirato, donano al nostro aspetto luce, sottolineano la nostra personalità, comunicano i nostri stati d’animo e sono in grado di influenzare il nostro umore. Una volta individuato il vostro sottotono sarete avvantaggiate nella scelta dei capi: l’importante sarà mantenere la stessa “temperatura”. In breve avrete un guardaroba in cui tutto si abbinerà alla perfezione.

Al termine del percorso lo specchio vi restituirà una versione di voi più luminosa e consapevole, più sfaccettata e comunicativa e questo vi permetterà di sentirvi più sicure e propositive.

Sono così convinta del potere positivo di questo percorso che ho deciso di abbracciare un nuovo progetto, un progetto che mi sta particolarmente a cuore e del quale mi sento onorata di far parte: Le Stanze della Senologia. L’Associazione Franca Cassola Pasquali, a sostegno dell’Unità di Senologia dell’Ospedale di Tortona, ha riunito un team di esperti che a vario titolo utilizzeranno le loro competenze per accompagnare e sostenere il percorso delle pazienti oncologiche.

Il mio compito sarà quello di cercare di migliorare la percezione di sé da un punto di vista “estetico”. Posso solo immaginare cosa significhi per una donna la perdita della propria femminilità a causa della malattia e del percorso di cura. L’uso dei colori, la scelta dei materiali e delle forme sono sicura possa essere un valido aiuto, seppur piccolo, per affrontare in modo più positivo e sereno un percorso tanto difficile.

stella-rampollo-cari-moda-fashion-boutique-consulente-immagine-mede-pavia-milano-4